PARCO FAUNISTICO LA TORBIERA

Non lo abbiamo mai fatto ma vi consigliamo un libro: “Mio fratello rincorre i dinosauri” di Giacomo Mazzariol. Giacomo aveva 18 anni quando ha scritto il libro che racconta di lui e di suo fratello Gio, nato con un cromosoma in più. Oggi ne ha 22 ed il suo primo film come sceneggiatore è tra i più visti della stagione. Ma noi vi consigliamo di leggere prima il libro anche solo per vedere il disegno di un esemplare unico di T-Rex erbivoro che si trova nell’ultima pagina. 

Sabato 26 ottobre anche noi abbiamo visto molti animali rari nel Parco Faunistico La Torbiera che si trova incredibilmente vicino a Milano.

Non c’erano dinosauri ma tigri, canguri (tutte le foto sono venute mosse), ghepardi delle nevi, leopardi di varie specie, lontre, un tapiro con il suo cucciolo, scimmie insomma… non era un parco come un altro ma un centro per la conservazione e la riproduzione delle specie animali in via d’estinzione.

Muniti di piantina del parco i ragazzi  in avanscoperta, abbiamo visto, fotografato, disegnato (Agnese), salutato( Eleonora) tutti gli animali che siamo riusciti a vedere e poi ….abbiamo scoperto che proprio dietro alle toilette c’era un fantastico prato dove giocare e godersi il sole ( 24 gradi ma ormai non ci stupiamo più).

Insomma un’altra fantastica gita della Pulce che speriamo sia piaciuta a Gilda, volontaria per un giorno, che si è subito  integrata molto bene con tutti i pulcini.
Per vedere le foto: https://flic.kr/s/aHsmJ8ZFkH

p.s. il nuovo look  hipster di Raffaele  barbetta + bretelle è stato molto apprezzato da tutti

Si riprende con la Castagnata

Le previsioni di sole caldo, cielo sereno e poche castagne si sono avverate. Le castagne che abbiamo raccolto erano piccole e molti dei ricci erano ancora sugli alberi ma erano abbastanza per soddisfare i cercatori della Pulce.  Raffaele ha conquistato subito l’unica panchina nel raggio di chilometri mentre tutti gli altri si sono dispersi nel bosco per cercare le castagne.
Serenità è la parola che bisognerebbe ricordasi in questo inizio d’autunno. Essere sereni quando si è con chi si vuole essere risulta più facile. La sfida è esserlo sempre. Quando al tuo fianco hai chi vuoi ma anche quando ti trovi chi non vorresti. Quando non hai tempo per gli altri ma quando devi trovarlo. E allora ….. metti in mezzo un bel pò di castagne cucinate sul fuoco dal mitico signor Renato. Mangiamo le castagne, dividendole con tutti, bevendo un pò di vino e ringraziando, come suggerisce Don Marco, la natura, la comunità parrocchiale di rasa di Varese che ci ha ospitato, il sole, gli amici e la divina provvidenza.
Dopo la raccolta abbiamo inaugurato la tradizione del pic nic autunnale perfettamente in linea con il climate change, poi , dopo il caffè rituale, canzoni, chiacchere, calcio, biliardino sono arrivate le  castagne.
Quest’anno ci hanno fatto compagnia Elena e sua figlia Miriam che si è cimentata con Mirko e Federico in una appassionante partita a biliardino. Phoebe e  fidanzato, Valentina e la figlia Francesca : tutti nuovi volontari che  speriamo saranno con noi  anche alle prossime uscite! .

Tutte le foto cliccando qui sotto, sulle castagne che cuociono: